di Dario Brusa

È tra le prime altiste italiane ad adottare lo stile “Fosbury” nel salto in alto. Verso la fine degli anni Settanta ha ingaggiato delle sfide entusiasmanti a colpi di record del mondo con la tedesca Rosemarie Ackermann che ha mantenuto lo stile ventrale.